Attualità

RICERCA DELLA VERITA TRA SOCIAL MEDIA E FAKE NEWS

Condividi

di Vanessa De Vita

L’era delle grandi comunicazioni, complice la rapidissima crescita di internet, hanno mutato radicalmente il modo di diffondere informazioni e notizie nel mondo. Se prima tutto passava attraverso giornali, radio e televisione sotto un attento controllo dei giornalisti e delle redazioni, oggi, con il libero accesso al web, chiunque può diffondere false informazioni distorcendo la percezione della realtà.

Un’autentica rivoluzione mediatica. Tanto che l’Università Europea di Roma ha proposto un corso che ha lo scopo di riconoscere questi nuovi fenomeni, comprenderne le dinamiche di comunicazione e tecnologiche che ci sono dietro e fornire gli strumenti per un uso critico e costruttivo del digitale. Obiettivo, preparare gli studenti ad operare nel campo della comunicazione on line, dei social media e del web marketing. Contro il fenomeno delle Fake News si schiera anche Facebook, uno dei principali strumenti di diffusione.

Il social network ha modificato il suo regolamento, stabilendo che nel caso di reiterata pubblicazione di false notizie, alla pagina che le promuove verrà tolta la possibilità di ospitare pubblicità, che attraverso il programma di advertising del social network permette di generare introiti. Secondo una ricerca dell’Università di Yale pubblicata su Politico, lo strumento creato da facebook contro le “bufale” non funziona. Secondo lo studio, effettuato su un campione di 7500 persone, l’indicazione di falso non basta. La gente continua ugualmente a credere in quel che vuole credere. Il problema, spiegano i due psicologi di Yale che hanno realizzato lo studio, è che il numero di notizie false in Rete è talmente elevato che le agenzie di fact chacking impiegate da Facebook (Politifact, FactCheck.org, Snopes.com fra le altre) non riescono a segnalarle tutte. Creando così incertezza, sfiducia e sospetto.

(Visited 105 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago