AttualitàBreaking News

Il 2017 il secondo anno più caldo nella storia

Condividi

Con una temperatura sulla superficie della Terra e degli oceani addirittura superiore di 0,91 gradi rispetto alla media del ventesimo secolo, questo potrebbe essere il secondo anno più caldo mai registrato.

 

 

Anche senza l’aiuto del fenomeno climatico El Niño che lo scorso anno ha contribuito a far schizzare le temperature a livelli da record assoluto, il 2017 riuscirà probabilmente a piazzarsi al secondo posto come anno più caldo di sempre. Un trend davvero preoccupante per il nostro pianeta.

L’Amministrazione Nazionale Oceanica ed Atmosferica (NOAA) ha rilasciato i dati sulle temperature globali per il mese di giugno, classificandolo fra i primi tre più caldi mai registrati. Sempre a detta dell’agenzia, ciascun mese del 2017 è stato classificato al terzo posto nelle rilevazioni storiche per quel mese.

Le temperature che hanno fatto la differenza si sono registrate in Asia centrale e in Europa occidentale e centrale, dove abitualmente sono più basse di quanto calcolato. Anche negli Stati Uniti sud-occidentali si sono verificate situazioni eccezionali, con la colonnina di mercurio impazzita a tal punto da impedire i decolli dall’aeroporto di Phoenix.

La NOAA calcola che i primi sei mesi del 2017 sono stati 0,91 °C più caldi rispetto alla media del XX secolo, che a livello globale sarebbe di 13,5 °C. Appena 0,16 °C in meno rispetto allo stesso periodo del 2016 e comunque 0,05 °C più del 2015.

Ciò significa, secondo gli esperti, che ci sono buone probabilità che il 2017 si confermi come secondo anno più caldo nella storia delle rilevazioni.

(Visited 177 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago