Attualità

139 PAESI 100% RINNOVABILI ENTRO IL 2050

Condividi

Tutti i Paesi che hanno ratificato gli Accordi di Parigi si sono impegnati ad abbandonare i combustibili fossili e iniziare il proprio cammino per divenire al 100% rinnovabili.  Una ricerca della Stanford University dimostra nello specifico come ben 139 Paesi nel mondo, con i giusti investimenti, potrebbero divenire al 100% rinnovabili entro il 2050. Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Joule, intrapreso dal professore di ingegneria civile ed ambientale Mark Z. Jacobson, prende in considerazione ogni singolo paese, dall’Iran al Nicaragua, dal Canada e l’Australia.  La base è uguale per tutti i Paesi analizzati: bisogna abbandonare carbone, petrolio e gas, elettrificare qualsiasi settore e darsi ad un mix di eolico, fotovoltaico, idroelettrico, e geotermico. In questo modo, case, auto, treni, navi, aerei e macchinari industriali dovrebbero dunque funzionare ad elettricità green.

Ma ogni singolo Paese ha un cammino diverso da intraprendere, a seconda della propria posizione geografica, della lunghezza delle coste e delle sue caratteristiche innate. Per rendere tutti questi 139 Paesi al 100% rinnovabili, Jacobson non ha mai incluso la possibilità dell’energia nucleare, a causa del suo impatto ambientale e per i rischi legati alla sicurezza. Per quanto riguarda il nostro Paese, secondo il team di studiosi l’Italia potrebbe razionalmente decidere di soddisfare il 65,8% del proprio fabbisogno con degli impianti solari di grandi dimensioni, affiancandoli al 6,3% di pannelli fotovoltaici privati, all’11% dell’eolico onshore, al 5,1% dell’idroelettrico, affidandosi per la restante percentuale ad un mix di altre fonti rinnovabili, come offshore ed energia geotermale.

(Visited 114 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago