Attualità

Cavallucci marini sequestrati e un triste record: 12 milioni destinati al mercato cinese

Condividi

Dodici milioni di cavallucci marini destinati al mercato cinese sono stati sequestrati. L’operazione è stata messa a segno dalle autorità peruviane. Il carico avrebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di dollari.

L’operazione di controllo da parte delle autorità del Ministero della Produzione del Perù è avvenuta in mare a 197 miglia a ovest di Callao, nel distretto di Lima: sequestrati dodici milioni di cavallucci marini.

Cavallucci marini, strage in Puglia. Venduti in Cina per fare un liquore

A diffondere la notizia e le immagini del maxi sequestro, i canali ufficiali del Ministero e l’organizzazione non governativa Mar para Conservar di Lima che si occupa di tutela ambientale.

Il carico illegale, è stato sequestrato alla barca da pesca peruviana Adonay, intercettata da una imbarcazione della Marina. I milioni di cavallucci erano stipati all’interno di cartoni e confezioni di varia fattura simili a quelli utilizzati per la pesca commerciale.

Destinato, probabilmente al mercato cinese, dove sono molto apprezzati dalla cosiddetta medicina tradizionale, il grosso carico avrebbe fruttato diverse centinaia di migliaia di dollari. Ogni tonnellata di cavallucci marini disidratata, viene infatti valutata in circa 6 milioni di dollari.

Meduse spiaggiate, scatta l’allarme. Cosa sta succedendo? VIDEO

L’operazione messa a segno dalle autorità peruviane rappresenta inoltre, un triste record: è la prima volta che un numero così grande di cavallucci marini viene sequestrato in quel Paese. I pescatori fermati, oltre alle consuete sanzioni, rischiano tre anni di detenzione.

(Visited 220 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago